Esperienze

  • Saipem S.p.A

  • 1979/1980 Il gasdotto Transmed
    Capo cantiere nel montaggio del gasdotto sottomarino Transmed (altresì noto come “Gasdotto Enrico Mattei”) per il trasporto di gas naturale tra Algeria e Italia attraverso la Tunisia. Lungo complessivamente 2.200 km (di cui 1.470 in Italia), con i suoi 600 metri di profondità, il gasdotto rappresentava – all’epoca – la più profonda infrastruttura sottomarina per il trasporto di gas naturale.

    Saipem_Anni_Capocantiere_Transmed
  • 1980 – OTC
     Saipem riceve il premio per per il “Miglior prodotto tecnologico dell’anno”nell’ambito della Offshore Technology Conference di Houston (Stati Uniti d’America)
    Leggi il documento ” NEW SOLUTIONS AND IMPROVEMENTS TO PIPELAYING DEVELOPED DURING CONSTRUCTION OF VERY DEEP WATER SEALINES WITHIN TRANSMEDITERRANEAN PROJECT” 

  • 1980/1986 Castoro Sei: i progetti nel Regno Unito, in Danimarca e nel Mare del Nord
    Come Project manager e, successivamente, in qualità di Responsabile di Area e di Società, gestisce numerosi incarichi per lo sviluppo delle attività offshore di Saipem. Tra queste, significativa l’esperienza danese per la realizzazione di un sistema di condotte di 500 Km con l’utilizzo della nave posatubi Castoro Sei.
    Vai all’articolo

    15051982_LaStampa
  • 1990/1991 Saipem 7000
    Saipem acquisisce Saipem 7000, la più grande e innovativa nave al mondo per l’installazione di piattaforme offshore.

  • 1999 Blue Stream
    In qualità di Presidente Esecutivo del gruppo, porta a compimento il contratto per l’avvio del progetto – realizzato tramite Saipem 7000 – per lo sviluppo del gasdotto Blue Stream per il trasporto di gas naturale dalla Russia alla Turchia attraverso il Mar Nero (capacità di trasporto 16 miliardi di m3 l’anno). Tra i momenti salienti, il passaggio – molto delicato – di Saipem 7000 da Istanbul il 6 agosto 2011.

    Passaggio Saipem 2000 sotto ponte Bosforo
  • Eni S.p.A.

  • 2000 Giacimento e impianti petroliferi di Kashagan (Kazakhstan)
    Eni, della quale Stefano Cao è Direttore Generale divisione Exploration & Production, acquisisce il ruolo di operatore unico nell’esplorazione e sviluppo del giacimento di Kashagan, nel Mar Caspio settentrionale, che all’epoca rappresentava la più grande scoperta petrolifera degli ultimi trenta anni. 

  • 2003 L’impianto di Karachaganak (Kazakhstan)
    Avvio della produzione di idrocarburi, condensati e gas naturale nell¹impianto Eni di Karachaganak, nel Kazahstan occidentale.

    2003 L’impianto di Karachaganak (Kazahstan)
  • 2004 El Alamein – Egitto
    Visita nel Paese, dove Eni è il primo produttore petrolifero con 500.000 barili al giorno di olio equivalente.

    ElAlamein
  • 2004/2005 Nigeria
    Visita nel Paese e al monumento per la commemorazione dei caduti Eni durante la guerra del Biafra.

    CommemorazioneCadutiEniGuerraBiafra
  • Sintonia SA

  • 2009 L’ingresso in Sintonia SA
    Stefano Cao viene nominato Managing Director e CEO della holding di partecipazioni attiva nel settore infrastrutture. Conseguentemente alla nomina, Stefano Cao viene nominato consigliere di amministrazione di Atlantia S.p.A., Autostrade per l’Italia S.p.A., Gemina S.p.A.,Aeroporti di Roma S.p.A., Sagat S.p.A., Aeroporto di Firenze S.p.A. e Telecom Italia S.p.A.
    leggi “STEFANO CAO APPOINTED CHIEF EXECUTIVE OFFICER OF SINTONIA SA”

  • Post Sintonia SA

  • 24 luglio 2012 Inaugurazione del nuovo terminal dell’Aeroporto di Firenze
    Stefano Cao partecipa all’inaugurazione del nuovo terminal dell’aeroporto fiorentino con il Sindaco di Firenze Matteo Renzi.

    Cao_AeroportoFirenze
  • Saipem S.p.A.

  • 30 aprile 2015, il rientro in Saipem S.p.A.
    Stefano Cao viene nominato Amministratore Delegato-Chief Executive Officer di Saipem S.p.A

    stefano_cao_ad_saipem
  • 28 ottobre 2015, Al via la nuova strategia 2016-2019 ed il piano di ottimizzazione “Fit for the Future”
    Stefano Cao presenta, a Londra, il percorso per trasformare Saipem S.p.A. in una realtà più forte ed indipendente tramite: rafforzamento della struttura patrimoniale, modello di business più efficiente, riduzione progressiva del profilo di rischio e politica finanziaria bilanciata.

    fit_future_Strategy_London